QUELLO CHE OGGI ACCADE NEL MONDO

QUELLO CHE OGGI ACCADE NEL MONDO

19 Febbraio 2020 0 Di Redazione
Read Time3 Minutes, 33 Seconds

NOTIZIE DI POLITICA CRONOCA E CURIOSITA’ DAL GLOBO

DI GIOVAMBATTISTA RESCIGNO

INGHILTERRA:- A partire dal 2021, sarà più difficile entrare in Inghilterra per poter lavorare. Niente visto d’ingresso per chi non parla la lingua Inglese, e non sarà sufficientemente qualificato, potranno accedere scienziati, ingegneri e accademici. Un sistema a punti che valuterà le competenze e darà precedenza a chi arriva con un’offerta di lavoro o accademica. Regole destinate a chiudere le frontiere alla pratica di chi finora è andato nel Regno Unito proprio per imparare l’inglese, lavorando come lavapiatti o cameriere. Le offerte di lavoro per gli immigrati dovranno garantire uno stipendio superiore alle 25.600 sterline (30.800 euro) all’anno, meno dunque delle 30.000 sterline (36.000 euro) di oggi per gli stranieri e extracomunitari.

CINA:- Sono con esattezza 2.004 i morti causati in Cina dal coronavirus. Il dato ufficiale è stato fornito dalla Commissione nazionale cinese per la salute che stima circa 74.185 le persone contagiate, solo nella giornata odierna, sono stati registrati nuovi 11.977 casi gravi. Nel rapporto giornaliero si dice inoltre che ad oggi 574.418 pazienti a stretto contatto con gl’infetti sono stati monitorati dal punto di vista medico. Di questi, 135.881 rimangono sotto osservazione.

UTAH:- La poligamia potrebbe diventare una pratica comune, diffusa e legale e non più come attualmente punita con il carcere. Nello Utah dove la maggior parte delle persone sono cristiani mormoni, il cui culto, nella lettura più integralista, consente, ove non addirittura consiglia, la poligamia. Vista la dilagante “religiosità”, il Senato ha deciso di legiferare e riconoscere lo stato di fatto, e da reato diverrà una semplice infrazione punibile con una multa di 700 dollari. Ancora non chiarito e specificato se la sanzione sarà comminata una sola volta.

COLOMBIA:- Le autorità colombiane hanno arrestato a Pereira, capitale del dipartimento di Risaralda, Carlos Alberto Salazar, soprannominato ‘El senor de la bata’ (il signore della veste), considerato il ‘Pablo Escobar’ dell’eroina nel Paese sudamericano. La polizia colombiana ha reso noto l’arresto di Salazar con un comunicato stampa. Il narcotrafficante sarebbe stato arrestato mentre acquistava biglietti per un incontro di calcio. A quanto pare a carico del trafficante pende u a richiesta di estradizione dagli Stati Uniti, in quanto ritenuto importatore di circa 100 chili di eroina l’anno, rendendolo il maggior trafficante di eroina colombiano.

GIAPPONE:- Yokohama gran fermento nei pressi della nave Diamond Princess, dalla quale è iniziato lo sbarco, i primi a scender gli anziani, poi gli altri passeggeri, per tutti controlli sanitari e monitoraggio, controlli anche per coloro che sono risultati negativi ai test. I contagi si sono moltiplicati fino a raggiungere quota 542 casi di coronavirus COVID-19 e la nave poteva diventare un incubatore virale decine di persone risultate negative sono state rimpatriate nei loro rispettivi Paesi. Procedura prevista anche per gli italiani. Nel frattempo intorno alla mezzanotte di ieri è partito dall’Italia il volo per il Giappone con a bordo il personale medico che andrà a soccorrere gli italiani sulla Diamond Princess. Il ministro Di Maio ha così scritto su facebook “Vi assicuro che riporteremo in Italia i nostri connazionali il prima possibile”. “Ho ringraziato personalmente tutte le donne e gli uomini che con generosità e immensa professionalità sono partiti, con un preavviso di poche ore, mettendosi al servizio dei nostri connazionali”. Il Ministro si è recato all’aeroporto unitamente al capo della protezione civile Angelo Borrelli e la squadra in partenza. E rivolgendosi all’equipe che stava per decollare ha dichiarato “Grazie di cuore a tutti” breve frase ma piena di riconoscenza e stima. Per l’unico italiano risultato positivo sarà allestito soltanto per lui e viaggerà sigillato in una barella ad alto bio-contenimento, con autorizzazioni che richiederanno tempi più lunghi del previsto. I primi a salire sul Boeing dell’aeronautica militare saranno gli italiani risultati negativi al test, ai quali attenderanno 14 giorni di quarantena appena in Italia. Resta qualche indeciso, come i membri più giovani dell’equipaggio, che temono di interrompere il tirocinio. Ultimo italiano a scendere dalla nave sarà il comandante Gennaro Arma. Il Sindaco di Sant’Agnello (NA) dr. Pietro Sagristani si è così espresso: “Con grande professionalità sta tenendo alto l’umore dei passeggeri, muovendosi in equilibrio tra i doveri di un comandante e l’empatia con chi, come lui e l’equipaggio, sta vivendo questa storia”. Ai nostri connazionali, la redazione di Artestv, augura un imminente e sano rientro, nella nostra amata Italia.

4 0
0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise