mercoledì, Luglio 24, 2024
HomeSpettacolo & GossipTONY PALMA, LA PERSONA OLTRE IL PERSONAGGIO

TONY PALMA, LA PERSONA OLTRE IL PERSONAGGIO

Ogni forma di arte, qualunque essa sia, oltre al suo preziosissimo valore intrinseco, riesce anche a dare valorizzazione ai propri territori di appartenenza quando essi meritano per davvero.

L’arte, del resto, non è soltanto un qualcosa di fine a sé stessa, ma, se fatta bene, può dare notorietà non indifferente lì dove viene sviluppata; anche se ciò necessita di tantissimo impegno dato che è un obiettivo piuttosto difficile da raggiungere.

Una delle forme artistiche che riesce maggiormente in tale vera e propria “impresa”, è quella della recitazione, che può valorizzare determinati luoghi se essi stessi sono protagonisti in tale arte oppure tramite attori famosi che possono dare, o ulteriormente dare, conoscenza ai propri luoghi di appartenenza.

E qui, per tutti i lettori di ARTE’S TV, diamo il benvenuto all’attore Tony Palma, nome d’arte di Antonio Palma che, con la sua pienissima attività di recitazione, caratterizzata da un talento attoriale davvero notevole, non vuole soltanto recitare, ma dare anche notorietà al proprio territorio, portandolo ad un pubblico sempre maggiore.

Infatti, Tony Palma, nato nell’affascinante città di Napoli e da moltissimi anni residente nel meraviglioso Comune di Cava de’ Tirreni, in provincia di Salerno; vanta una prestigiosissima carriera attoriale.

Sono moltissime le sue figurazioni speciali e piccoli ruoli in moltissimi film e/o serie televisive, molte delle quali di grandissimo successo a livello locale, nazionale ed anche internazionale, ma, le principali sono, ad esempio, nella prosa teatrale nel 1994 nello sceneggiato “Napoli sogno d’amore” nella pittoresca Vietri Sul Mare all’Azienda Soggiorno e Turismo della medesima città, nel film “Il mare non c’è paragone” con Carlo Buccirosso del 2001, nella miniserie televisiva “Anni ’50” del famosissimo regista Carlo Vanzina in onda su Canale 5 nel 1998, nel film “Cent’anni” di Ninì Grassia con Gigi D’Alessio nel 1998, nel film “Aitanic” con Nino D’Angelo nel 2000, nel film “Lista Civica” di P. Falcone con Maurizio Casagrande – A. Stornaiuolo del 2004, nella fiction “La Squadra” in onda su Rai 3 con partecipazioni nel 2000 e nel 2001, nella serie televisiva “Un posto al Sole” nel 1998, nell’importantissimo film “La tragedia di Superga” con Michele Placido, Fiorellino – R. Girone – G. Amato del 2004, nel programma televisivo “Forum” nel 1998 e nel 2000, nel fotoromanzo di successo intitolato “Un sogno per Alessia” come protagonista nel 1998, nella soap opera “Spakkanapoli vento del Sud” in onda su Telecapri (NA) Sud Italia nel 2001, nel prestigiosissimo film “Il Rosario e la carità” in cui si ripercorre la vita del Beato Bartolo Longo, ovvero il fondatore della meravigliosa Basilica Di Pompei (NA) pubblicato su TV2000 nel 2012, nel film “Vicino al verbo” pubblicato nel mese di marzo 2023, nella serie televisiva “Pupetta” con la meravigliosa Manuela Arcuri e regia di Oldoini in onda su Canale 5 nel 2013, nel film “Credo in un solo Padre” uscito in ben 42 paesi nel mondo nel 2021 e nel particolare film “Il Caso Salice” nel 2020 e nel 2021 e tantissimi altri importantissimi lavori.

Detto questo, la carriera dell’attore Tony Palma è veramente prestigiosa, lo dimostrano queste e tantissime altre partecipazioni artistiche; non ci resta, quindi, che dargli il benvenuto qui, in questa intervista, su ARTE’S TV.

Tony Palma benvenuto su ARTE’S TV, innanzitutto grazie mille davvero per aver accettato questa nostra intervista; la mia prima domanda per lei è la seguente: chi è Tony Palma?

“Salve, saluti a tutti”.

Chi è Tony Palma?

“Sono un artista nato, anche se ho dovuto fare un altro lavoro. Ma la mia vocazione era sempre rivolta all’arte, alla cultura ed allo spettacolo. Il destino mi aveva dato il proprio consenso”.

Come e quando è nata, in lei, la passione per la recitazione?

“Negli anni ’70, quasi per caso. Andai con alcuni amici, che avevano una band musicale, da un noto Maestro in quel di Napoli, ovvero L. Luisi del ” CENTRO STUDI D’ARTE L. L.”. Lui era un artista a 360° e vide in me un “VOLTO IDONEO PER RECITARE”. Così ebbe l’inizio la mia emozionante avventura”.

Quando ha capito che, nonostante lei svolgesse un’altra professione principale, la carriera attoriale sarebbe stata così talmente importante per lei?

“Iniziai a frequentare corsi di recitazione presso il già citato “CENTRO STUDI D’ARTE L.L.” di Napoli e fino al 1975 a recitare in teatro. Poi sono diventato un impiegato, ma non potevo fare a meno di frequentare il teatro. E quindi, anche quando stavo in giro per l’Italia, cercavo sempre di trovare un teatro per poter recitare. Era davvero importante per me”.

Quali sensazioni ha provato quando ha recitato per la prima volta?

“La prima volta è sempre la prima volta. Ebbi una bella e strana sensazione, era l’anno 1970, TEATRO BACCO di Napoli, nell’opera intitolata “Il Fiore Invisibile”, un recital poetico – musicale. In quella occasione ho avuto anche la sensazione che tutto era in me, quasi come un destino già scritto”.

Nonostante tutti questi anni in cui ha lavorato come attore, quando deve interpretare un ruolo, prova una sensazione sempre simile alla prima volta oppure qualche sensazione più matura?

“Ogni lavoro ha delle sensazioni diverse. Sia per luogo, scene, colleghi attori ed il ruolo che viene ricoperto. Chiaro che le sensazioni sono più oggettive anche per una maggiore esperienza”.

Qual è stato, per lei, il personaggio preferito da interpretare e soprattutto perché?

“Ci sono stati vari personaggi da me interpretati, ma voglio citarne almeno 2:

1) Anno 1999/2000 per la fiction “La Squadra” andata in onda su Rai 3, facevo il personaggio del poliziotto della “SCIENTIFICA”; ebbene, lo sentivo in me, anche perché nel mio lavoro ricoprivo proprio la stessa mansione;

2) Poi nella fiction “Il Grande Torino” in cui facevo il comandante della torre di controllo; un’emozione davvero unica”.

Nella sua carriera attoriale, quale può essere considerato il periodo migliore?

“Il mio periodo diciamo migliore è stato sotto l’aspetto di passaggio dal teatro al cinema. E’ stato dal 1999 al 2013.

D’altro canto, invece, qual è stato il periodo attoriale peggiore?

“Il periodo peggiore non si è di per sé verificato, tranne che dal 2019 durante il periodo della pandemia della COVID19, purtroppo, che ha limitato un po’ tutti”.

Tralasciando, quindi, questo periodo negativo con le sue relative anomalie e parlando di positività, chi è, secondo lei, il miglior attore e/o attrice della storia; qual è il suo artista preferito?

“Il mio attore preferito non esiste, nel senso che ho amato i miti degli anni ’60, tra cui i leggendari divi americani. In Italia ero affascinato da De Sica, Manfredi e Gassman. Le attrici, un mito Liz Taylor, in Italia beh, la grandissima Sofia Loren!”

In questi ultimi tempi, sono molti i ragazzi che, tra esiti positivi ma anche molti negativi tra cui in tanti sui social, sognerebbero una carriera da attori; quali consigli si sentirebbe di dare a chi vorrebbe intraprendere questa affascinante ma difficile professione?

“I social, secondo me, sono negativi per una corretta carriera, anche se aiutano nella pubblicità. Io darei il consiglio di studiare attraverso delle scuole nazionali di recitazione, in modo da avere una maggiore preparazione, che nella mia epoca non tutti potevano avere”.

Che valore ha, come nel suo caso, l’umiltà nel fare l’attore, e lei è davvero una persona umile, nonostante alcuni suoi colleghi, soprattutto alle prime armi, possono “peccare” di superflua arroganza?

“Dice bene che l’umiltà ha un valore importante. Io sono un esempio di rarissima umiltà, che oggi non tutti hanno, perché presuntuosi di essere arrivati ad un determinato obiettivo con estrema disinvoltura, talvolta anche in modo falso senza particolari meriti, ma che suona in “arroganza”.”.

Infine, ma non per meno importanza, per concludere questa nostra importantissima intervista, quali sono i suoi sogni, le sue eventuali nuove collaborazioni con dei piccoli spoiler se puoi darceli ahahahahahahahahahahahah e i suoi futuri obiettivi? Oltre a questo, per collegarci all’introduzione di questa intervista, cosa vuole dare alla sua meravigliosa terra che va da Napoli, passa per l’Agro Nocerino-Sarnese ed arriva fino a Cava Dé Tirreni? In conclusione, vuole dire qualcosa in e di particolare, e fare dei saluti e/o ringraziamenti?

“I sogni sono tanti, ma è il destino che li pilota. Sogno un bel ruolo in una nota fiction. Sono, inoltre, in attesa di importanti collaborazioni, anche se sono già parte di alcune di esse. Tra gli obiettivi futuri mi piacerebbe essere parte di una scuola di teatro e cinema per i giovani. Alla mia terra, da Napoli all’Agro Nocerino-Sarnese e Cava Dé Tirreni, per dare la mia esperienza per far capire meglio il territorio. Per ultimo, spero in un futuro migliore per la mia amata terra, la Campania”.

Ecco una foto dell’attore Tony Palma durante le registrazioni del film dedicato al Beato Bartolo Longo nel ruolo dell’antiquario.

tony palma 2

Un’altra immagine dell’attore Tony Palma durante il set delle riprese del film intitolato “Ischia Forever” dell’anno 2022.

tony palma 3Ringraziamo davvero tantissimo l’Attore Tony Palma per essersi raccontato qui per tutti i lettori di ARTES’ TV, gli auguriamo di realizzare tutti i suoi sogni e traguardi perché siamo dinnanzi ad un talento veramente notevole, un talento che ci fa apprezzare ancor di più il nostro meraviglioso ma anche affranto territorio; evviva la Provincia Di Salerno, evviva la Campania ed evviva, ovviamente, per non deludere nessuno, tutto il paese migliore del mondo, la nostra spettacolare Italia. 

 

 

 

 

 

Profilo Facebook dell’attore Tony Palma. 

GIOACCHINO SAVARESE
GIOACCHINO SAVARESE
Gioacchino Savarese nasce il 26 maggio 1995 a Nocera Inferiore. Fin da subito è appassionato di misteri, scrittura e scienza. Le sue passioni e i suoi sogni si sono materializzati il 16 maggio 2015 con la creazione del Blog intitolato "I Misteri Del Mondo e Dell'Universo", inoltre ha un canale You Tube (adesso chiamato Specialid) e una Pagina Facebook omonimi. Inoltre ha pubblicato un libro il 19 luglio 2017 intitolato "I MISTERI DELLA VITA NELL'UNIVERSO". Il 27 giugno 2019 ha pubblicato il suo secondo libro: DIARIO DI UN SOLDATO. Il 30 ottobre 2019 ha creato il suo nuovo blog, chiamato Specialid, anche la sua pagina Instagram si chiama Specialid. Continua tuttora la sua ricerca nel mistero, nelle sue attività e a scrivere. Inoltre scrive per diversi siti e svolge anche attività da articolista.
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Eventi in programma

ULTIME 24 ORE