mercoledì, Luglio 24, 2024
HomeSportKZR al giro di boa: Rimescolate ancora le carte in tavola

KZR al giro di boa: Rimescolate ancora le carte in tavola

Azione e spettacolo sono state le due parole d’ordine nella quarta tappa stagionale del KZR Championship, svoltosi sul tortuoso e complesso circuito Cogiskart di Corridonia. A non rendere ancor più complicate le cose ai piloti ci ha pensato il meteo, che ha offerto una piacevole e serena giornata di prima estate. D’altronde, trovare subìto la confidenza con il tracciato, dopo le libere che si sono svolte nella giornata di sabato, era fondamentale per i piloti, sia per confermare eventuali buone sensazioni che per ribaltare un feeling magari non ottimale con il kart.

La giornata ha inizio con le qualifiche della Rotax18+, la combinata delle due sessioni ha messo in risalto il tempo di 48.517 con cui il leader del campionato, Matteo Smaldone, ha conquistato la pole position di giornata sia per la propria categoria (Sport) che per l’assoluta: per lui si tratta della terza pole di categoria stagionale e della seconda assoluta, dopo quella del GP d’esordio a Latina. Alle sue spalle può dirsi soddisfatto anche Corbetta che, grazie al crono di 48.637, ha ottenuto la seconda posizione complessiva e la prima nella categoria GP; infine, Michele Albiero – per quanto riguarda la Gentleman – piazza la prima sorpresa di giornata, precedendo di pochi centesimi di secondo il leader incontrastato di categoria Giuliano Ghidini.

In gara 1 del raggruppamento A-C Silvestri conquista subìto la testa della gara all’interno di curva 1 approfittando di un’indecisione di Smaldone, scivolato addirittura in quinta piazza al termine del primo giro. Non sazio della piazza d’onore Longo decide di attaccare subito il nuovo leader della gara, che però non ci sta e risponde a tono mantenendo la posizione. Al sesto giro si ripete ancora una volta la serie di sorpassi e controsorpassi tra Longo e Silvestri, ma ad approfittarne è il terzo incomodo Giuliano Ghidini che si libera di Longo prima e Silvestri poi per involarsi in prima posizione. Tuttavia, Longo è consapevole di avere il passo per vincere la gara ed a tre giri dal termine riesce finalmente nel sorpasso su Silvestri; dopodiché, forte del vento in poppa, affianca Ghidini sul rettilineo del traguardo ed affonda il colpo in curva 1. Ghidini, nonostante la vittoria sfuggita nelle ultime fasi di gara, può dirsi comunque contento di questa seconda piazza in pista in quanto gli vale il primo posto nella Rotax Gentleman, davanti a Parrinello e Carpenedo. Nel raggruppamento della Rotax Sport Longo precede, nell’ordine, Silvestri e Smaldone, mentre nella categoria GP Michele Ricchi ha la meglio sugli avversari pur concludendo la gara in ottava piazza. RISULTATI: 1) LONGO (SPORT); 2) GHIDINI (GENTLEMAN); 3) SILVESTRI (SPORT); 4) SMALDONE (SPORT); 5) MARZIALE (GENTLEMAN); 6) PARRINELLO (GENTLEMAN); 7) CARPENEDO (GENTLEMAN); 8) RICCHI MICHELE (GP); 9) PAGANIN (GENTLEMAN); 10) CANTILE (GP); 11) CAIOLA (GP); 12) CANNATA (SPORT); 13) RICCIO (GP).

In gara 2 del raggruppamento B-D il poleman Corbetta, nonostante uno sprint non ottimale, mantiene la testa riuscendo, tra l’altro, a girare per la prima volta sotto il traguardo con un margine già importante sugli avversari; infatti, il leader ha approfittato delle battaglie alle sue spalle da cui è emerso vincitore Mirko Ricchi che, scattato in quinta piazza, al termine del primo giro è secondo. Cerca la rimonta anche Matteo Colangelo che, sgomitando a destra e sinistra, sale dalla settima alla quinta posizione. Alla quarta tornata Roberto Maria si fa vedere all’interno della traiettoria di Ricchi in uscita di curva 1, ma il pilota della Ricchi’s Course è abile ad incrociare e riprendersi la seconda posizione; tuttavia, Roberta Maria si arrende ed al giro successivo si sbarazza di Ricchi, che poi subisce il sorpasso anche ai danni di Albiero e, nel tentativo di resistere, perdere addirittura le posizioni ai danni dei pari categoria Colangelo e Califano. A tre giri dal termine Albiero si sbarazza di Roberto Maria, insediandosi definitivamente in seconda posizione; inoltre, Califano fa lo stesso con Colangelo, che viene attaccato anche da Ricchi e Nappa; tuttavia, quest’ultimo con un folle tentativo di sorpasso ai danni dei due rivali va fuori pista e perde posizioni su posizioni.
Davanti a tutti Mattia Corbetta vince in solitaria con margine su Albiero, primo della categoria Gentleman, mentre completa il podio Roberto Maria; nel finale, Colangelo si riprende la posizione ai piedi del podio su Califano, ma per entrambi arriva la beffa dei 5’’ di penalità che favorisce Ricchi, sesto al traguardo ma quarto classificato. RISULTATI: 1) CORBETTA (GP); 2) ALBIERO (GENTLEMAN); 3) MARIA (SPORT); 4) RICCHI MIRKO (GP); 5) AUDISIO (GENTLEMAN); 6) COLANGELO (GP); 7) CALIFANO (GP); 8) MASTROGIACOMO (GENTLEMAN); 9) MAUTHE (GENTLEMAN); 10) PEPE (SPORT); 11) NAPPA (SPORT); 12) DE BELARDINI (SPORT).

La terza gara di giornata prevede la presenza dei piloti appartenenti al raggruppamento A-D, tra i quali c’è il poleman Smaldone. Tuttavia, per la seconda volta consecutiva, incappa in una partenza difficile e subisce il sorpasso di Roberto Maria. Chi ha uno spunto addirittura peggiore è Longo che, scattato in terza posizione, al termine del primo giro si ritrova sesto. I primi due vanno via in coppia fin dalle prime tornate dando l’impressione di poter accendere un duello per la prima posizione, che però non ci sarà mai perché Maria Roberto chiude ogni tipo di varco. Il ruolo di primo inseguitore se lo prende Marziale, che chiude al terzo posto con margine su Longo e precede comodamente i rivali della categoria Gentleman. Alle loro spalle, invece, risale ottimamente Califano che, liberatosi di Nappa, si aggiudica il primo posto nella categoria GP. RISULTATI: 1) MARIA (SPORT); 2) SMALDONE (SPORT); 3) MARZIALE (GENTLEMAN); 4) CALIFANO (GP); 5) LONGO (SPORT); 6) NAPPA (SPORT); 7) PEPE (SPORT); 8) RICCHI MICHELE (GP); 9) MASTROGIACOMO (GENTLEMAN); 10) DE BELARDINI (SPORT); 11) CANTILE (GP); 12) CANNATA (SPORT); 13) RICCIO (GP).

In gara 4 del gruppo B-C lo spunto di Silvestri e Corbella è buono, tanto che i due girano senza problemi alla prima curva nello stesso ordine di partenza. Alle loro spalle Ghidini, invece, si prende la terza piazza sul pari-categoria Albiero, il quale perde la posizione anche ai danni di Parrinello che dalla settimana posiziona di partenza va a girare addirittura quarto al termine del primo giro. Alla quinta tornata Colangelo si sbarazza di Albiero, dando l’inseguimento alla quarta posizione occupata da Parrinello. Al medesimo giro, ma qualche posizione più avanti, Silvestri affonda il colpo su Corbetta in curva 1, realizzando il sorpasso decisivo che gli consente di vincere la gara e la manche della categoria Sport; tuttavia, grazie alla medaglia d’argento ottenuta, Corbetta riesce comunque ad aggiudicarsi il primo posto nella categoria GP, mentre Ghidini trionfa nella Gentleman con il terzo posto in pista. RISULTATI: 1) SILVESTRI (SPORT); 2) CORBETTA (GP); 3) GHIDINI (GENTLEMAN); 4) COLANGELO (GP); 5) ALBIERO (GENTLEMAN); 6) RICCHI (GP); 7) PARRINELLO (GENTLEMAN); 8) MAUTHE (GENTLEMAN); 9) CARPENEDO (GENTLEMAN); 10) PAGANIN (GENTLEMAN); 11) AUDISIO (GENTLEMAN); CAIOLA D.N.F.

In gara 5 del raggruppamento B-C Nappa ha lo spunto migliore di tutti, grazie al quale balza addirittura dalla quarta alla prima posizione. A cavallo tra la terza e la quarta tornata Ghidini sopravanza il poleman Silvestri, diventando il primo inseguitore del leader. Dalle retrovie va sottolineata la buona risalita da parte di Parrinello, che si porta in quarta posizione superando Maria Roberto; tuttavia, la penalità di 5’’ comminata al pilota R’s MGA lo relega in settimana posizione, alle spalle di Maria Roberto, Paganin e Carpenedo.
Davanti a tutti Nappa riesce a tenere la testa per l’intera durata della gara, centrando la prima vittoria stagionale proprio nel suo GP di casa. All’ultima tornata, invece, Silvestri si riprende la posizione su Ghidini, che resta comunque il primo della categoria Gentleman. Nella categoria GP la spunta Califano, che riesce a risalire fino alla nona posizione dopo una partenza poco positiva. RISULTATI: 1) NAPPA (SPORT); 2) SILVESTRI (SPORT); 3) GHIDINI (GENTLEMAN); 4) MARIA (SPORT); 5) PAGANIN (GENTLEMAN); 6) CARPENEDO (GENTLEMAN); 7) PARRINELLO (GENTLEMAN); 8) MASTROGIACOMO (GENTLEMAN); 9) CALIFANO (GP); 10) PEPE (SPORT); 11) DE BELARDINI (SPORT); 12) CAIOLA (GP).

Nervi saldi in partenza nell’ultima gara di giornata nel raggruppamento C-D per il poleman Matteo Smaldone, che riesce finalmente a mantenere la leadership con un ottimo spunto. Alle sue spalle Longo affonda il colpo su Corbetta, mentre Albiero conferma le ottime sensazioni di giornata mantenendo la quarta posizione. Smaldone, completamente libero di poter spingere, mette in mostra tutto il proprio passo, trovandosi a metà gara con già 5’’ di vantaggio su Corbetta, nuovamente secondo dopo aver restituito il favore ad Albiero. Dalle retrovie risalgono prepotentemente Mirko Ricchi e Colangelo, rispettivamente quarto e quinto.
Nessuno nel finale di gara riesce ad avvicinarsi ai tempi con cui gira Smaldone, che va a vincere comodamente la gara e la manche della Sport davanti a Longo, terzo classificato. Chiude secondo Corbetta, che però può dirsi soddisfatto dell’aver preceduto i pari categoria della GP, mentre nella Gentleman è Albiero ad imporsi sugli avversari. RISULTATI: 1) SMALDONE (SPORT); 2) CORBETTA (GP); 3) LONGO (SPORT); 4) RICCHI MIRKO (GP); 5) COLANGELO (GP); 6) ALBIERO (GENTLEMAN); 7) MARZIALE (GENTLEMAN); 8) CANTILE (GP); 9) RICCHI MICHELE (GP); 10) MAUTHE (GENTLEMAN); 11) AUDISIO (GENTLEMAN); 12) CANNATA (SPORT); 13) RICCIO (GP).

Al termine di questa serie di sei gare che hanno visto protagonisti i piloti della Rotax18+, il vincitore di giornata è il pilota della classe GP Mattia Corbetta con 78 punti, quattro in più di Silvestri e sei in più di Smaldone. Quest’ultimi due, facendo leva comunque sul podio assoluto, si confermano nelle primissime posizioni in classifica, con il campione nazionale in carica ancora leader del 2024 anche dopo il giro di boa.
Quanto a Corbetta, il bottino di punti con cui va via da Corridonia gli permette di accorciare le distanze in classifica dal primo posto di Vincenzo Califano, quarto di categoria e preceduto rispettivamente da Mirko Ricchi e Matteo Colangelo nella generale di giornata.
Silvestri e Smaldone continuano a darsi battaglia nell’avvincente testa a testa del campionato, andando, nell’ordine, a comporre le prime due posizioni della Sport davanti a Maria Roberto.
Per quanto riguarda la categoria Gentleman il leader del campionato Ghidini vince davanti ad Albiero e Marziale, incrementando il vantaggio sugli avversari.dam 0822dam 0833whatsapp image 2024 05 27 at 18.28.21

Nelle manche di qualifiche della Rotax Junior il giovane Mirko Graziani ha messo a segno una pole position straordinaria fermando il cronometro in 47.707, tempo un decimo e mezzo più veloce del primo degli inseguitori, Mauro Palermo. Completa la top 3 un lanciatissimo Gianmarco Varini, anche lui sotto il muro dei 48 netti.

In gara 1 del raggruppamento B-C fila tutto liscio allo start per Palermo, complice anche l’attacco di Bruni ai danni di Varini; tuttavia, Varini tiene botta e mantiene la seconda posizione, mentre Bruni scala addirittura in quarta alle spalle di Ricca. Varini, nonostante il secondo di ritardo accumulato nel corso della prima tornata, recupera terreno su Palermo lanciandogli la sfida per la prima posizione. Alla sesta tornata il pilota del JP Racing Team affonda il colpo sul leader che, incassato il colpo, accusa un problema tecnico al kart, al seguito del quale è costretto ad abbandonare la gara. Di ciò ne approfittano specialmente Bruni e Barone, che guadagnano una posizione da podio avendo sopravanzato anche Ricca. Nei giri finali Bruni riesce addirittura a mettere sotto pressione Varini, tant’è che i due arrivano al fotofinish sotto la bandiera a scacchi e separati da appena 39 millesimi. Per la terza piazza, invece, alla penultima tornata Ricca sopravanza sul Barone, il quale non ci sta e si riprende il gradino più basso del podio; tuttavia, a causa dei 10 secondi di penalità ricevuti da Barone e dei 5 comminati a Ricca, in top 3 ci sale il giovane Mattia Lo Bianco. RISULTATI: 1) VARINI; 2) BRUNI; 3) LO BIANCO; 4) RICCA; 5) DE GAETANO; 6) MASTELLARI; 7) SABATINO L.; 8) BARONE; 9) SABATINO N.; 10) PALERMO.

Nella seconda gara del raggruppamento A-C è buono lo spunto del poleman Graziani che chiude ogni varco possibile e tiene la posizione su Varini, mentre alle loro spalle Ricca guadagna la terza piazza ai danni di Massa Micon. Nel corso della seconda tornata Varini affonda il colpo sul leader Graziani, riprendendosi la posizione in cui ha chiuso anche gara 1. Massa Micon, scatenato nel dar vita ad una rimonta furiosa, rinviene sul duo di testa nelle tornate finali a suon di giri veloci. Al penultimo giro proprio Massa Micon si infila nella traiettoria di Graziani, che va largo e si deve accontentare della terza posizione. La piazza ai piedi del podio la conquista Celentano, autore di una buona rimonta che lo ha portato dalla settima posizione di partenza alla quarta sul traguardo. RISULTATI: 1) VARINI; 2) MASSA MICON; 3) GRAZIANI; 4) CELENTANO; 5) CERBONE; 6) RICCA; 7) BARONE; 8) MASTELLARI; 9) GHIDOZI; 10) SABATINO.

Nell’ultima gara della Rotax Junior, che vede presenti i piloti appartenenti al raggruppamento A-B, l’ottima partenza di Palermo gli consente di sottrarre la testa della gara a Graziani. Chi, invece, soffre la partenza è Massa Micon che, dalla terza posizione di partenza, si ritrova a girare sesto al termine del primo giro. Dopo un inizio difficile, il pilota piemontese risale fino alla quarta posizione a suon di giri veloci e, proprio come aveva fatto nella precedente gara, si riaccoda al gruppetto formato dai primi tre. Al decimo giro Graziani affonda la staccata su Palermo e si riprende la posizione di partenza; tuttavia, il pilota della Ricchi’s Course non ci sta ed all’ultima tornata sferra l’attacco decisivo, grazie al quale vince gara 3. Alle loro spalle, invece, Bruni riesce a tenersi stretta la terza piazza, nonostante i tentativi di Massa Micon. RISULTATI: 1) PALERMO; 2) GRAZIANI; 3) BRUNI; 4) MASSA MICON; 5) CELENTANO; 6) CERBONE; 7) LO BIANCO; 8) SABATINO; 9) GHIDORZI; 10) DE GAETANO.

Dopo aver conquistato due vittorie su due gare disputate, il vincitore di tappa della categoria Rotax Junior non può che essere Gianmarco Varini. Il pilota veneto precede Mirko Graziani e Lorenzo Bruni, entrambi con 16 punti in meno rispetto a Varini; pertanto, la tappa di Corridonia può aver dato un nuovo volto al campionato, composto da tanti piloti racchiusi in pochi punti ed in grado di poter trionfare a fine anno.

dam 0819

 

Le qualifiche della Next Gen. non hanno regalato sorprese, in quanto la pole se l’è presa con ampio margine il leader del campionato Francesco Contaldo firmando un 50.695 inarrivabile per gli avversari; tuttavia, alle sue spalle Alessandro Angelini centra un’ottima seconda posizione, precedendo Amabili, Tancredi, Tersigni e Cimino. In gara 1 Angelini si fa vedere all’interno di Contaldo nella prima curva fin da subito, andando a prendersi la leadership della gara. Ottima partenza anche da parte di Tersigni che da quinto passa terzo, mentre non si può dire lo stesso per Amabili in quanto dalla terza posizione di partenza si ritrova addirittura ultimo al termine del primo giro. Per il gradino più basso del podio si accende la battaglia tra Tancredi e Tersigni, in cui a spuntarla è quest’ultimo con una manovra di sorpasso poco dopo il quinto giro. Il poleman Contaldo, dopo una prima fase di riassestamento, nell’ultimo quarto di gara ritorna negli scarichi del leader Angelini, senza però riuscire mai a sferrare l’attacco. RISULTATI: 1) ANGELINI; 2) CONTALDO; 3) TERSIGNI; 4) TANCREDI; 5) AMABILI; 6) CIMINO.

Nella seconda gara di categoria la partenza fila liscia e, fin dai primi giri, Angelini, Contaldo e Tersigni ne approfittano per scappare via; tuttavia, in quarta posizione Tancredi registra più giri veloci in conseguenza riattaccandosi al gruppetto di testa. Al sesto giro si accende la lotta per la prima posizione tra Contaldo ed Angelini, così come anche quella per la terza posizione tra Tersigni e Tancredi. All’ultimo giro il doppiaggio di Cimino costa caro ad Angelini, che dal primo posto scivola addirittura al terzo; poi, per il pilota abruzzese continua a piovere sul bagnato, in quanto arriva anche la beffa di una penalità di 5’’ che lo relega in quinta posizione. Ad approfittare del misunderstanding tra Angelini e Cimino è Tancredi, che proprio al fotofinish sopravanza Contaldo vincendo la gara sul compagno di squadra per appena 19 millesimi di secondo. RISULTATI: 1) TANCREDI; 2) CONTALDO; 3) TERSIGNI; 4) AMABILI; 5) ANGELINI; 6) CIMINO.

Al termine di due avvincenti gare regalate dai pilotini della Next Gen. a spuntarla è Francesco Contaldo, grazie al miglior tempo fatto registrare in qualifica; infatti, a pari punti con il pilota piemontese si classifica il vincitore di gara 2, Andrea Tancredi, mentre appena un punto sotto ai primi due c’è un deluso Alessandro Angelini, a cui è sfuggita la vittoria di tappa e di gara 2 per un problema in fase di doppiaggio. Nella classifica generale resta ancora tutto apertissimo dopo un round così equilibrato, in cui le distanze sono rimaste più o meno invariate.dam 0841

Nella classifica dei Team la Milanesi 41 Racing, composta da Mattia Corbetta, Sebastiano Mastellari, Luca Longo e Giovanni Cannata, fa da asso pigliatutto conquistando la vittoria di tappa con 176 punti totale. Alle loro spalle si classificano il M.A.S TuRbo Team di Matteo Smaldone, Alfredo Celentano, Giovanni Barone e Matteo Colangelo con 158 punti, mentre sul gradino più basso del podio ci salgono Mirko Graziani, Gianmarco Varini e Vincenzo Califano del Jp Racing Team.

 

La quarta delle sette tappe stagionali del KZR Championship è andata in archivio, ma l’attesa ormai è tutta per il quinto GP stagionale che si terrà il 29-30 giugno al circuito Valle del Liri di Arce.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Eventi in programma

ULTIME 24 ORE