martedì, Luglio 23, 2024
HomeViaggi & TurismoLA CITTÀ SEPOLTA DI AKROTIRI, LA POMPEI DELLA GRECIA A SANTORINI

LA CITTÀ SEPOLTA DI AKROTIRI, LA POMPEI DELLA GRECIA A SANTORINI

L’affascinante antica città minoica di Akrotiri, conosciuta come la versione greca di Pompei dopo che fu sepolta da un terremoto.

Potrebbe sembrare che l’isola di Santorini in Grecia sia solo villaggi imbiancati, viste sulla caldera e tramonti sublimi. Ma dirigiti a sud delle famose Oia e Fira e troverai un diverso tipo di insediamento greco: la città in rovina di Akrotiri

Fu battezzata Akrotiri in onore della vicina città moderna con lo stesso nome, ma il suo nome originale è solo uno dei suoi misteri.

 Soprannominata la Pompei di Santorini, è simile in quanto entrambe le città sono importanti siti archeologici sepolti da un’eruzione vulcanica, ma ci sono alcune grandi differenze tra loro.

La prima differenza tra Pompei e il sito archeologico di Akrotiri è la loro età. 

Pompei fu fondata nel 600 a.C. e distrutta dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C., ma Akrotiri la fa sembrare giovane. 

Fu dimora degli antichi minoici oltre 4000 anni prima della fondazione di Pompei, ed è stata conservata proprio come sarebbe stata nel 1500 a.C.

Visitare Akrotiri è una finestra sulla vita di un popolo lontano e su un lato diverso di Santorini. Akrotiri iniziò la sua vita come un semplice villaggio di pescatori e agricoltori, dove si coltivavano olive e cereali. 

Ma poiché era posizionata sulla rotta commerciale tra Europa e Medio Oriente, il denaro affluiva ed è cresciuta fino a diventare una grande e prospera città portuale.

1000080540

Le persone vivevano in case a due e tre piani dotate di balconi, riscaldamento a pavimento, acqua corrente calda e fredda e alcuni dei primi servizi igienici interni. 

Il popolo minoico decorava Akrotiri con elaborati affreschi dipinti, produceva il proprio vino e realizzava mobili, vasi e sculture. 

Incredibile se si pensa che ciò accadeva durante l’età del bronzo, quando le persone in Gran Bretagna vivevano ancora in capanne e costruivano cerchi di pietre. Si dice addirittura che Akrotiri abbia ispirato Platone per la città di Atlantide.

Ma tra il 1620 e il 1530 a.C., tutto andò storto per Akrotiri quando l’enorme vulcano Thera eruttò e fece esplodere il centro dell’isola di Santorini.

L’eruzione fu uno dei più grandi eventi vulcanici mai registrati sulla Terra, creando una caldera larga quattro miglia e sollevando una nuvola di cenere alta 20 miglia. Inoltre scatenò uno tsunami alto 100 metri che colpì la costa di Creta e raggiunse l’Egitto.

Al termine dell’eruzione, Akrotiri era stata sepolta sotto uno strato di cenere e detriti di 200 piedi e la forma di Santorini era stata cambiata per sempre. L’isola fu ricoperta da uno strato di lava calda e cumuli di cenere e rimase abbandonata per secoli.

Alla fine Santorini fu ricolonizzata, con i Fenici, i Dori, i Romani e i Bizantini che crearono nuovi insediamenti sull’isola. Ma la città sepolta di Akrotiri fu dimenticata fino al 1860. 

I lavoratori che estraevano la cenere per costruire il canale di Suez scavarono e scoprirono manufatti della città vecchia. Furono effettuati alcuni scavi su piccola scala, ma i resti rimasero dov’erano per altri cento anni fino all’inizio degli scavi nel 1967.

Dopo solo poche ore dall’inizio degli scavi gli archeologi hanno scoperto il primo degli edifici storici di Akrotiri. 

Da allora sono stati identificati circa 40 edifici ma la strada è ancora lunga. Vengono costantemente rinvenuti nuovi reperti e si stima che finora sia stato scoperto solo un terzo della città – e potrebbe volerci un altro secolo per scavare tutto.

Durante gli scavi, tra gli edifici sono stati scoperti resti della vita quotidiana delle persone e sono ciò che rende il sito così affascinante. 

La cenere ha conservato perfettamente lo stile di vita minoico, dagli affreschi dipinti a centinaia di vasi. Si va dalle tazze per bere fino ai giganteschi recipienti per la conservazione decorati con motivi geometrici.

Molti dei vasi sono sorprendentemente ancora intatti e alcuni contenevano addirittura resti di olio d’oliva o di pesce. 

Puoi vedere alcuni reperti nel sito, ma molti altri sono stati spostati nel museo archeologico di Fira, e alcuni dei migliori affreschi di Akrotiri sono esposti nel Museo Archeologico Nazionale della Grecia ad Atene.

1000080538

 

 

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Eventi in programma

ULTIME 24 ORE