venerdì, Luglio 19, 2024
HomeCuriosità & FreeNewsLe “case bara”, realtà che è già un inferno sulla Terra: ecco...

Le “case bara”, realtà che è già un inferno sulla Terra: ecco come vogliono farci vivere (VIDEO)

Sono abitazioni di dimensioni estremamente ridotte e sono situate in grandi edifici residenziali ad alta densità. Volendo essere più diretti, sono un orrendo prodotto di una modernità che sta perdendo il lume della ragione. E, forse, sono anche il luogo in cui certe lobbies imperanti vorrebbero stiparci tutti quanti, prendendo nel contempo possesso delle nostre abitazioni. Le chiamano “case bara“, si sono diffuse a Hong Kong e il loro nome non è stato scelto a caso: spesso questi veri e propri “loculi abitativi” sono talmente piccoli da offrire poco più di uno spazio per sdraiarsi. Gabbie da criceti da 1,5 metri quadri. In tempi in cui (giustamente) si protesta contro gli allevamenti intensivi di bovini e altri animali, qualcuno sta creando un sistema di allevamenti intensivi di uomini. A Hong Kong c’è tanta gente che ci abita. Si stima che attualmente siano più di 220.000 persone a essere stipate in questi indegni loculi messi in pila uno sopra l’altro.

Sono lavoratori che con il loro stipendio non possono permettersi alloggi più decenti, in un una città che sconta una grave crisi abitativa e costi molto alti degli immobili. Come se non bastasse, le “case bara” sono per la maggior parte abusive e vengono ricavate da vecchi appartamenti posti in giganteschi complessi residenziali. Il motivo per cui si è arrivati a questo obbrobrio insopportabile e indegno di un essere umano è da ricercare nei costi inavvicinabili degli appartamenti di Hong Kong: che, per intenderci, arrivano sino a 20mila dollari al metro quadro. In pratica, una casa di 50 metri quadri da quelle parti costa un milione di dollari. Per questo le famiglie a basso reddito sono costrette ad abitare in monolocali di 30 metri quadri da dividere in tre10 metri quadri per mini appartamento. Gli appartamenti in cui vivono i nuclei familiari, dunque, hanno le dimensioni della cella di un carcere italiano. E nel 10% dei casi, le famiglie che ci vivono sono composte da 4 o più persone.

case bara

Per questo alloggio “principesco”, la famiglie pagano il corrispettivo di circa 700 Euro (contro uno stipendio che varia da 1.000 a 1.700 al mese, con una media di 1.350). Più di metà del salario per rinchiudersi in una cella con i propri figli. Ma c’è di peggio: le “case sgabuzzino“, 3.5 metri quadri di spazio vitale per 450 Euro al mese di affitto. E, per finire, appunto le famigerate “case bara: scatole di legno o di metallo con una superficie di 1.5 metri quadri nelle quali ci si può solo sdraiare e nemmeno comodamente. E’ veramente come vivere in un loculo. Bagno e cucina sono in comune. I vestiti possono essere appesi a ganci metallici che spuntano dalla “parete”. I più fortunati, ai piedi del letto hanno una televisione in miniatura. Qualcosa di molto simile a una rappresentazione dell’inferno. Per informazione, a Hong Kong vivere all’inferno costa 350 Euro al mese.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Eventi in programma

ULTIME 24 ORE