mercoledì, Luglio 24, 2024
HomeCuriosità & FreeNewsSono un veterinario e vi spiego cosa fare e cosa NON fare...

Sono un veterinario e vi spiego cosa fare e cosa NON fare se si trova un riccio ferito

Manuela ChimeraMANUELA CHIMERA

Potrebbe capitarvi di imbattervi in un riccio ferito, magari in giardino, magari sul bordo strada. Succede spesso quando escono dal letargo e sono ancora un po’ assonnati, ma non escludete che possa capitare anche in altri periodi dell’anno. Ed è importante sapere cosa fare e cosa NON fare

               Indice

A volte capita di passeggiare per strada e di trovare un riccio ferito o in difficoltà. Questa cosa succede frequentemente quando si svegliano dal letargo e sono ancora assonnati e privi di energie, ma può capitare anche in altre circostanze. Se notate un riccio che non si muove o ferito, ci sono delle cose che potete fare e delle cose che NON vanno fatte onde evitare di cagionare ulteriori danni all’animale.

Cosa fare se si trova un riccio ferito?

In generale parliamo di ricci europei (l’Erinaceus europaeus). Prima di tutto, se notate un riccio per strada o in un prato, non potete assolutamente prenderlo e portarlo a casa. Essendo un animale selvatico, per legge appartiene allo Stato e dunque ne è vietata la cattura o la detenzione. Differente il caso del riccio africano (l’Atelerix albiventris), specie che può essere detenuta come animale domestico.

Un riccio apparentemente sano che si trova in una zona non a rischio, deve essere lasciato stare in pace.

Se trovate, però, un riccio ferito allora le cose cambiano. Considerate che il riccio è un animale notturno, quindi se li vedete in giro di giorno è indice di un problema in corso. Nel caso vi imbattiate in un riccio ferito, evidentemente malato, pieno di pulci e zecche o un cucciolo orfano che cerca la madre, la cosa migliore da fare sarebbe contattare il Corpo Forestale (adesso i Carabinieri forestali) o i Vigili affinché vengano date indicazioni su quale sia la procedura da seguire o quale sia il centro di recupero per animali selvatici di zona.

Questo perché la procedura e le strutture di affido cambiano di zona in zona. Potete anche contattare il CRAS di zona se presente dalle vostre parti. Questo servirà non solo per concordare un recupero, ma anche per farsi spiegare dagli addetti come procedere.

Potrebbe capitare, però, che vi venga detto di mettere l’animale in sicurezza. Questo succede quando il riccio si trova in una zona pericolosa, magari sul bordo strada. In questo caso, se adulto, bisogna raccoglierlo proteggendosi le mani con dei guanti o con un panno (i suoi aculei pungono abbastanza), in modo da metterlo in una scatola in cui avrete praticato dei fori per l’areazione e in cui avrete messo una borsa dell’acqua calda avvolta da un telo (per evitare l’ipotermia).

Lasciate il riccio tranquillo, in un ambiente buio e non dategli farmaci o cibo di testa vostra. Questo potrà essere fatto solo dopo averne concordato la gestione con il CRAS, il Corpo Forestale o un veterinario esperto di animali esotici.

Tutto ciò viene fatto nell’attesa del recupero da parte degli enti o delle associazioni previste perché, ribadiamolo, non potete tenervi un riccio a casa neanche se ferito. Ci sono appositi centri di recupero dove portarli.

Ricordiamo anche che un riccio, sia sano che ferito, deve essere tenuto lontano da cani, gatti, bambini (non è un giocattolo) e non deve essere disturbato per farsi selfie o mostrarlo agli amici.

Come capire se un riccio è morto o in letargo?

Se vedete un riccio appallottolato come se dormisse, in inverno, rannicchiato sotto le foglie, ricordatevi che probabilmente non è morto, ma solo in letargo. Ovviamente il riccio in questo caso non si muove, ma che non vi venga in mente di svegliarlo o scuoterlo. (LEGGI anche: Hai dei ricci in giardino? Come aiutare i piccoli ospiti a superare le fatiche del letargo)

Diverso il caso di ricci chiaramente malati, magari sdraiati su un fianco, con segni di malattie, pieni di zecche e pulci o anche cuccioli che pesano meno di mezzo chilo. In questo caso, soprattutto se li troviamo in autunno, conviene contattare un centro di recupero perché non sarebbero in grado di sopravvivere a un letargo.

Cosa fare se si trova un riccio per strada?

Se si trova un riccio per strada, ma è un adulto e sano, nel caso di strade molto trafficate potrebbe essere necessario spostarlo in un’area verde un po’ discosta dall’arteria stradale in modo da evitare il rischio di investimento. Cercate di portarlo in una zona verde con cespugli e alberi, in modo che possa trovare riparo e cibo. Evitate i campi arati per il rischio che finiscano investiti dai trattori.

E se il riccio si trova in giardino?

E se il riccio entra in giardino? A volte capita che in un giardino con qualche buco nella recinzione possa si trovino ospiti inattesi come ricci e tartarughe. L’importante è non chiuderli all’interno del giardino: bisogna sempre lasciargli una via di fuga. Così come sono entrati, possono anche uscire.

In questo caso, però, se sospettate di avere un riccio (o una tartaruga in giardino), fate attenzione ai cani (possono considerarli prede), a non usare tosaerba e a non circolare con moto e auto.

Ti potrebbe interessare anche:

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Eventi in programma

ULTIME 24 ORE