martedì, Luglio 23, 2024
HomeCuriosità & FreeNewsUcraina, primo attacco alla Russia con armi Usa. Durissima risposta di Mosca....

Ucraina, primo attacco alla Russia con armi Usa. Durissima risposta di Mosca. Tajani: “Rischiamo Terza Guerra Mondiale”

Alla fine il via libera di Biden ha prodotto il primo risultato, forse atteso ma comunque preoccupante per le conseguenze che potrà avere nel prossimo futuro. L’esercito ucraino, infatti, avrebbe lanciato i primi attacchi contro il territorio Russo utilizzando armi americane. La notizia arriva da fonti ufficiali sovietiche, che hanno riferito di un raid compiuto dagli uomini di Zelensky contro un sistema di difesa antiaerea nella Regione di Belgorod, vicino alla frontiera con Kharkiv, dove dall’inizio del mese scorso è in atto l’offensiva dei Russi. La notizia dev’essere ancora confermata, ma le fonti parlano di una vittima e sono coerenti con la volontà espressa da Usa e Germania di frenare l’avanzata dell’esercito di Putin su Kharkiv, attraverso attacchi alle postazioni da cui partono i missili che devastano da tempo la regione.

immagine whatsapp 2024 06 04 ore 13.14.45 0be7ae78

La risposta del Cremlino a questi attacchi è stata durissima, con 2mila raid missilistici contro il territorio ucraino in 24 ore. Notizia confermata dal portavoce dello stato maggiore ucraino Andriy Kovaliov. “Gli occupanti russi”, ha riferito Kovaliov, “hanno lanciato tre attacchi missilistici contro le posizioni delle truppe ucraine e le aree popolate utilizzando 8 missili, 63 attacchi aerei, tra cui 56 bombe aeree guidate, e hanno effettuato 2.200 attacchi, di cui 128 con l’uso di sistemi missilistici“. Si assiste dunque, come molti temevano, a un’escalation delle operazioni di guerra, con Mosca che sembra voler mostrare come all’uso di armi occidentali sul suo territorio seguiranno risposte molto dure da parte dell’esercito di Putin. Il tutto dopo che il vice Ministro degli Esteri Russo Ryabkov aveva avvertito gli Stati Uniti di fare attenzione, perché se fossero state prese certe iniziative “per gli americani ci sarà sicuramente un prezzo da pagare“.

antonio tajani

Il timore del Cremlino è che le armi occidentali vengano utilizzate da Kiev per bombardare il sistema di difese strategiche sovietiche. Se questo avvenisse, la linea rossa del conflitto si sposterebbe ulteriormente. Nel caso ciò accadesse, quasi certamente Mosca risponderebbe con iniziative militari la cui portata sarebbe tutta da verificare. E che a loro volta alzerebbero di un altro gradino il livello dello scontro. L’impressione è che, se le parti in causa continuassero con le reciproche minacce, la situazione potrebbe veramente sfuggire di mano portando a uno scontro diretto fra Mosca e l’Alleanza Atlantica. A questo proposito, il nostro Ministro degli Esteri Tajani ha dichiarato che con l’uso di armi occidentali sul territorio Russo “rischiamo di scatenare la Terza Guerra Mondiale“. Ma la posizione prudente dell’Italia, in questo momento, sembra isolata rispetto a quella del resto degli Stati che aderiscono alla Nato.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Eventi in programma

ULTIME 24 ORE