giovedì, Maggio 30, 2024
HomeCulturaSALERNO: DIVERSI EVENTI IN NOME DELL’ETNOGRAFA ANNABELLA ROSSI

SALERNO: DIVERSI EVENTI IN NOME DELL’ETNOGRAFA ANNABELLA ROSSI

INCONTRI CULTURALI A SALERNO E ALL’UNIVERSITA’

 

Proseguono, in questi mesi, i tanti eventi organizzati – presso il campus di Fisciano (università di Salerno) e anche al complesso di S. Michele, proprio in Salerno centro – sotto il comune denominatore dell’antropologa Annabella Rossi. Si tratta di un ampio calendario di iniziative culturali – in primis convegni e/o lectio, tenute da esperti di etnografia e tradizioni popolari – inerenti ai campi di ricerca di questa docente. Allieva del famoso storico delle religioni e/o etnografo Ernesto De Martino. La Rossi (ormai defunta da anni), dalla centralissima Roma, “approda” all’università salernitana. Dove insegna Antropologia Culturale. Suoi allievi più noti: Paolo Apolito e Vincenzo Esposito. Ed è stato proprio Esposito – in solido con il laboratorio interdipartimentale di Antropologia, a lei intitolato – ad aver stilato una corposa, ponderosa serie di appuntamenti. Che si spalmano tra il campus e la città di Ippocrate.

Dove è esistita la celeberrima “Schola medica” – tra le università più antiche e prestigiose del mondo. La serie di happening riprende un concetto espresso, anche mediante le sue ricerche, dalla studiosa: “Vivere la realtà è già scienza”.

Oltre al professor Esposito, in collaborazione con il collega e amico Ugo Vuoso – nonché con i responsabili della segreteria: Antonio Severino e Giuseppe Manzo – hanno contribuito alla “lista” degli appuntamenti anche altri dipartimenti dell’ateneo (ad esempio, tra i tanti: il centro bibliotecario d’ateneo e il dipartimento di scienze del patrimonio culturale) e ulteriori enti, esterni al campus. Tra questi ultimi, citiamo: il Comune di Salerno; il Ceic – centro etnografico campano; la fondazione “Cassa di risparmio salernitana” e così via. Tra i patrocinanti, si ricordino: il Siac, società italiana di antropologia culturale; il sodalizio “Kurumuny” e l’Icpi – ossia l’Istituto centrale per il patrimonio immateriale.

L’insieme delle lectio va sotto la denominazione “Colloqui di Salerno 2023/2024”. Sottotitolo, appunto, quello citato più sopra: “Vivere la realtà è già scienza”.

Si è partiti il 22 gennaio scorso, al complesso di S. Michele – in via Bastioni a Salerno. Dove, nel tardo pomeriggio, si è tenuto il vernissage della mostra per immagini “Annabella Rossi e la fotografia”. Ben cinquanta le foto, che hanno mostrato la perizia e la partecipazione (la celebre “osservazione partecipante”, un ossimoro che è alla base della ricerca etnografica più moderna) della professoressa romana.

I temi trattati erano il tarantismo – fenomeno tipico del Sud, ma esistente anche al Settentrione e in altri Paesi (tra cui la Spagna); il carnevale (particolarmente quello di Montemarano, nell’Avellinese) e le feste e i pellegrinaggi. L’esposizione è stata curata proprio da Vincenzo Esposito. Negli spazi dedicati, è stato possibile assistere a dei veri e propri film.

Si proiettavano video inerenti alle tradizioni popolari. Il 22 gennaio, il programma contemplava anche una conversazione con il professore Apolito, allievo della Rossi. Fino a pochi anni fa, l’antropologo Paolo Apolito insegnava a Salerno. Poi ha scelto Roma. Cattedra di Antropologia culturale.

Il 3 febbraio, secondo la lista di kermesse, ci si è “spostati” a Salerno centro. Al già citato complesso di S. Michele. Dove era previsto un convegno sulla zampogna, particolarmente quella utilizzata e suonata in Campania. A tal proposito è opportuno menzionare la compagnia “D’Altro canto”, assieme a uno dei fondatori: Antonio Giordano. Anch’egli esperto di discipline etnografiche, nonché valido e provetto zampognaro. A presenziare già agli inizi della serie di appuntamenti.

screenshot 20240220 171544

Dopo la giornata di studi del 12 febbraio scorso, presso la biblioteca umanistica dell’ateneo fiscianese – al mattino – e al complesso salernitano nel pomeriggio (incontro sul tema della danza, del ballo – studiato dalla Rossi), eccoci venire al 15 febbraio. Con la prolusione di Vincenzo Santoro – studioso dei tarantismi – al campus fiscianese; in serata, con la mostra fotografica e i contributi iconici a S. Michele. Interventi musicali (al mattino, all’università) degli esperti di taranta Daniela Dentato e Angelo Plaitano.Con chitarra e tamburello. Un momento interessante e coinvolgente, al quale chi scrive ha preso parte. Al mattino. Corroborato da apposite slide, l’intervento di Santoro è verso sul fenomeno del tarantismo. Di cui egli ha dissertato con sicura competenza. Volendo sintetizzare al massimo, non si può non citare – delle sue parole – la funzione catartica e taumaturgica (miracolosa) del ballo. Specificamente la taranta pugliese; la tarantella napoletana; la pizzica meridionale.

Nel corso dell’esposizione, si è citato Ernesto De Martino – studioso delle religioni – con la sua “tecnica” per documentare i retaggi antropologici e – poi – si è discusso di Annabella Rossi. Che ha introdotto la “novità”, per le scienze etnografiche, delle interviste ai protagonisti dei suddetti fenomeni. Di De Martino, si è menzionato il volume “La terra del rimorso”. Cioè il Sud.

screenshot 20240220 171921

Il titolo intende illustrare la credenza popolare (magia urbana) secondo la quale la tarantola (che può essere ragno, piuttosto che scorpione o serpente; comunque un animale che punge, morde) inocula(va) un veleno – ai contadini e a chi lavora(va) la terra. Per guarire, ecco un ballo intenso e forsennato – in alcune zone meridionali, soltanto per maschi; in altre per donne e uomini. Ma la stessa taranta (che avrebbe dato il nome alla città di Taranto) poteva mordere più volte.

Perciò l’antropologo De Martino chiama così la propria opera. Tuttavia, c’è pure un significato metaforico: il rimorso dovrebbe essere quello degli studiosi del Nord, che non hanno apprezzato o valorizzato il Meridione. Che è, invece, ricco di spunti culturali. Torniamo a noi. La danza, in questo caso taranta e pizzica, nelle loro varianti regionali o sovranazionali (ad esempio in Abruzzo o nelle Marche, oltre che in Puglia e in Calabria – poi in Spagna e anche altrove) è una delle più antiche espressioni popolari e culturali dell’umanità. Studiate proprio dalla Rossi, seguendo gli insegnamenti di De Martino – il suo mentore.

Il ballo dipende dai riti orgiastici, come l’orfismo; il coribantismo e il dionisismo. Il professor Santoro ha parlato delle differenze tra taranta, pizzica, altri tipi di ballo. In cui e per cui dimenarsi. Ricordiamo il noto “ballo di S. Vito” (il santo è venerato ad Eboli e nella provincia di Salerno; ci sono ancestrali e arcaiche testimonianze popolari di S. Vito ad Olevano sul Tusciano) e la “argia” in Sardegna. Dove esiste anche lo… “scandaloso” ballo delle vedove. La taranta pugliese (soprattutto, anzi, esclusivamente nel Leccese) si rifà alla figura di S. Paolo – a Galatina. Dove si parla del “male di S. Paolo”. Altrove c’è il “male di S. Donato”.

L’excursus storico, relativo all’evoluzione della taranta (a Napoli: tarantella) e delle sostanziali differenze – tra le varie aree del Mezzogiorno d’Italia – tracciato dal relatore, è risultato avvincente e affascinante. Sempre volendo ridurre al massimo le tantissime implicazioni di questa lezione, allorquando il docente ha parlato di Annabella Rossi, lo stesso ospite ha discusso sulle “tracce di continuità tra l’arcaico e il futuro” – ad opera della studiosa. Per approdare all’essere “universali”. Cioè a comprendere ciò che accomuna l’umanità, invece che a stigmatizzare le inevitabili differenze tra le etnie antiche e moderne. D’altronde, sono le “strutture elementari della parentela”, per dirla con Levi Strauss, ad avvicinare i popoli tra loro. È intervenuto Vincenzo Esposito – in chiosa. Facendo capire che “la diversità non ha senso”.

Gli incontri riprenderanno il 20 marzo prossimo venturo. Alla biblioteca umanistica di Fisciano – ore 10.30. Quando si concluderà la mostra e tornerà a conversare Paolo Apolito – con Antonio Giordano e Vincenzo Ferraioli. L’intero programma si snoderà poi per l’8 aprile, sempre alle 10.30 e sempre al campus – con “La realtà che vedo. Annabella Rossi antropologa visiva”. Interventi di Alberto Baldi, Francesco Marano, Felice Tiragallo. A coordinare: il prof Esposito. Nel pomeriggio (ore 18) ci si sposterà a S. Michele. Dove proseguiranno le lectio. Interessante anche la tematica del 17 aprile, quando sia alla biblioteca universitaria (11.30) che a S- Michele (18) verrà analizzato l’argomento “Annabella Rossi. Reti femminili in un archivio familiare”. Disserteranno Anna Iuso e Francesca Uccella. Coordinerà Dina Gallo.

Altri happening, previsti per il 22 e 29 aprile. Infine, tutto terminerà a maggio, nelle date del 13, 20 e 27. Si parlerà – tra moltissimo altro – anche delle “strategie linguistiche” e della “costruzione dell’identità”, nel lavoro della Rossi (29 aprile). Tutto davvero utile e opportuno; un plauso agli organizzatori, particolarmente ad Esposito.

 

foto articolo noia annabella rossi num 2

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Eventi in programma

ULTIME 24 ORE