martedì, Giugno 25, 2024
HomeViaggi & TurismoDresda, Campidoglio della Sassonia

Dresda, Campidoglio della Sassonia

Dresda la città perduta nella seconda guerra mondiale in Germania. È una città storica nella Germania orientale, situata a circa 200 km a sud di Berlino. Costruito negli ultimi 70 anni, mattone dopo mattone, sulla speranza e sulle aspirazioni!!!

Con la sua architettura barocca , i suoi numerosi musei e i suoi vari luoghi di cultura , questa grande città della Germania è una delizia per gli appassionati di arte e storia. Devastata dalle bombe nel 1945, Dresda è stata ricostruita in modo identico ed è oggi una delle città più belle della Germania .

immagine 2024 06 02 171737

Abbiamo sentito e letto molto sulla caduta del muro di Berlino. Conosciamo la Seconda Guerra Mondiale ma non siamo mai riusciti a stimare il livello di distruzione che avrebbe potuto causare. Passeggiare per le strade di Dresda porterà davanti ai vostri occhi le sofferenze dei residenti. Guardando una distruzione così vasta, mi sono ricordata di Pompei e del disastro causato dal vulcano. Ma è stato un atto della natura. Era difficile per me immaginare che un essere umano potesse causare un simile dolore agli altri.

La cosa che ha attirato la mia attenzione è stata la chiesa Frauenkirche o la chiesa “Nostra Signora” come la chiama la gente del posto. La seconda guerra mondiale e i bombardamenti hanno completamente distrutto la Chiesa. 

Quando questa città perduta della Seconda Guerra Mondiale era sotto la DDR [ Repubblica Democratica Tedesca ], ​​non è stato possibile restaurarla e il sito è rimasto nella stessa situazione per quasi 50 anni come monumento commemorativo. Dopo la caduta del muro di Berlino e la fusione con la Germania odierna, le cose iniziarono a cambiare. La gente del posto ha iniziato ad avviare sforzi per raccogliere fondi in crowdsourcing e si è impegnata a ricostruire questo luogo storico così com’era una volta.

Queste sono tutte storie ben documentate di questa città perduta di Dresda che tutti leggiamo su Internet. La novità è che dietro le quinte di questa costruzione ho sentito parlare della gente del posto. Fare una chiacchierata con la gente del posto non delude mai noi viaggiatori, giusto?

Dopotutto, chi può sapere di più su questo posto se non la gente del posto che vive lì giorno e notte!!!!

La storia di questa chiesa o Fenice, come vorrei chiamarla, è sorprendente. Forse ti starai chiedendo perché la chiamo Phoenix. Ebbene, tutto è dovuto al modo in cui questa chiesa è rinata completamente dalle ceneri. Grazie alla tecnologia.

Le rovine tralasciate sono state selezionate e scansionate per catturarle come immagini da computer. Quindi hanno cercato di identificare le posizioni giuste per le pietre mediante simulazione. E il team ha provato a utilizzare le pietre e le rocce sbriciolate e a posizionarle come suggerito dalle simulazioni al computer. In altre parole, quelle rocce e pietre furono collocate negli stessi posti in cui si trovavano prima del bombardamento.

immagine 2024 06 02 171635

L’interno della chiesa è assolutamente da vedere. Inoltre, non perdetevi la salita sul campanile della chiesa. La salita è ripida, ma la vista affascinante di Dresda e del fiume Elba sarà una grande ricompensa.

Lo Zwinger è uno spettacolare palazzo costruito in stile barocco. È circondato da un vasto giardino con fontane. È così bello!

Intorno all’anno 1700 re Augusto il Forte era il sovrano della Sassonia. La sua visita in Francia e al Palazzo di Versailles ha fatto sì che gli piacesse avere qualcosa di simile in Sassonia. E così è nato lo Zwinger. Sfortunatamente, questo ha avuto la sua parte di impatto anche durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. Ma riportato al suo pieno splendore.

Un tempo Dresda era chiamata la Firenze dell’Elba . Era considerata la città più bella con un’architettura straordinaria e arti preziose!

Oggi, lo Zwinger ospita alcune delle gallerie più culturali della città, tra cui la Gemäldegalerie Alte Meister (Galleria di quadri dei vecchi maestri) e la Dresdener Porzellansammlung (Collezione di porcellane di Dresda).

immagine 2024 06 02 171715

Per una piacevole pausa e per offrirvi magnifici panorami con una piccola prospettiva sui principali edifici di Dresda come l’Accademia di Belle Arti, vi consigliamo di prendervi il tempo per passeggiare lungo l’Elba. Con i suoi 500 metri di estensione, la terrazza Brühl è una delle passeggiate preferite dalla gente del posto e delizia i turisti.

Un altro must a Dresda, il Fürstenzug è uno splendido affresco situato su una parete del palazzo reale. Con circa 25.000 piastrelle e 102 metri di lunghezza, quest’opera che racconta la storia dei re di Sassonia è l’ affresco su porcellana più grande del mondo.

Infine, vi consigliamo di prendervi il tempo per scoprire la nuova città di Dresda . Nel passaggio del Kunsthof troverete molti edifici dall’architettura originale. Da non perdere la famosa casa musicale blu . La sua particolarità è quella di suonare una melodia con le sue grondaie e i suoi tubi quando piove. Una visita da fare in caso di maltempo prima di rifugiarsi in uno dei tanti musei della città.

 

 

 

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Eventi in programma

ULTIME 24 ORE