venerdì, Luglio 19, 2024
HomeSalute & BenessereIL POTERE DELLO YOGA

IL POTERE DELLO YOGA

Gli antichi dicevano Mens sana in corpore sano. Oggi sembra che riguardo al corpo ci siano due tendenze contrapposte e in un certo senso estreme: o l’idolo del corpo o l’oblio del corpo. Passiamo da una mercificazione estremizzata del corpo che deve essere e rimanere sempre esteticamente perfetto, ad una totale noncuranza soprattutto attraverso stress e sedentarietà (legati anche al tipo di lavoro) e un’alimentazione sempre meno curata.

Se tutti avessero sperimentato almeno una volta nella vita i benefici che un’attività sportiva è in grado di avere sulla nostra salute mentale, probabilmente ci sarebbe meno necessità di farmaci e più richiesta di parchi e centri sportivi.

Personalmente la mia scoperta al riguardo è avvenuta con lo yoga, e quale occasione migliore della Giornata Internazionale dello Yoga per parlarne?

pexels cliff booth 4057534

Ho scoperto lo yoga in un momento non facile della mia vita, a causa di un lutto, e in blocco totale con lo studio all’università. È successo che un giorno ho deciso di provare un corso online, 30 minuti per 30 giorni a 30 euro: era un modo per rendere quotidiana e accessibile la pratica dello yoga. Adesso, parlando di yoga, sicuramente la prima immagine che vi verrà in mente -lo so già- è quella di una persona seduta, gambe incrociate, occhi chiusi, mani poggiate sulle ginocchia con pollice e indice che si toccano, che respira e dice “oooommmm”. Ebbene, credo che dovreste provare una lezione di Vinyasa Yoga per capire quale fantastica varietà esista dietro questa disciplina millenaria. Ad ogni modo, tornando a quel 30/30 (così si chiamava il corso), io scoprii innanzitutto limiti che non credevo neanche di avere (tipo riuscire ad aprire le braccia in determinate posizioni, o fare un lungo passo in avanti col piede, o mantenere l’equilibrio in posizioni base come quella del guerriero o dell’albero), ma soprattutto scoprii che quei limiti attraverso un allenamento costante potevano essere superati.

E questa è senza dubbio la lezione più importante che mi ha insegnato la pratica dello yoga: che in noi risiede la capacità di migliorarci, attraverso costanza e pazienza. E in questo il corpo è un alleato fantastico, perché quello che io avevo iniziato come uno sport per fare un po’ di movimento rispetto allo stare sempre seduta alla scrivania a studiare, col tempo si è rivelato una miniera di risorse per la mente: ho cominciato ad essere più concentrata nello studio, a sentirmi più determinata nel portare a termine le cose, e soprattutto ad avere più fiducia nelle mie capacità. Tutto questo perché sul tappetino sperimentavo che giorno dopo giorno il mio corpo riusciva a fare cose di cui prima non mi credevo capace, e questa consapevolezza inevitabilmente si ripercuoteva anche su tutti gli altri aspetti della mia vita.

Questo è un discorso valido per ogni tipo di sport, per me è stato ed è tuttora lo yoga, ma per voi potrebbe essere qualcos’altro. La sfida che vorrei lanciarvi oggi è quella -se non praticate sport- di sperimentare uno sport che vi ha sempre attirato ma che non avete mai avuto il coraggio o il tempo di provare (vale anche il semplice scendere a camminare) e cercare di dedicargli almeno 30 minuti al giorno, per una settimana, poi magari per due, e se riuscite perché no, anche un mese, e notare quali sono i cambiamenti che questa pratica apporterà non soltanto sul vostro corpo e sulla vostra energia, ma anche e soprattutto sulla vostra mente.

RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Eventi in programma

ULTIME 24 ORE