lunedì, Giugno 17, 2024
HomeViaggi & TurismoPIETRAPERTOSA IL BORGO DELLE FIABE IN BASILICATA

PIETRAPERTOSA IL BORGO DELLE FIABE IN BASILICATA

 

screenshot 20240422 203526 google

Pietrapertosa: borgo stupendo adagiato sulle Dolomiti Lucane

Ci troviamo a Pietrapertosa in Basilicata nella provincia di Potenza, uno dei paesi più alti della regione, a 1088 metri s.l.m. che conta circa 1000 abitanti. Riconosciuto come uno dei borghi più belli d’Italia, posizionato in cima alle Dolomiti Lucane, costruito interamente sulla roccia, sembra di uscire fuori da una fiaba e offre al visitatore uno scenario di eccezionale bellezza.

Pietrapertosa prende il nome dall’antica Petraperciata, che vuol dire forata per la presenza di una rupe bucata da parte a parte.

20240422 192329

Si ritiene che in epoca remota la zona fosse popolata da diverse tribù, già ben prima che nascesse il borgo fortificato nel X secolo. E’ in quel periodo, con l’occupazione dei Saraceni, che si fa risalire l’origine del castello visibile ancora oggi nella parte alta di Pietrapertosa. Con il tempo il borgo divenne un centro di primaria importanza per il controllo della vallata sottostante.

20240422 192251

Una passeggiata per le vie del borgo conduce alla scoperta dei luoghi e degli edifici più significativi tra cui la Chiesa di San Giacomo Maggiore, una chiesa quattrocentesca, conosciuta anche come Chiesa Madre, diverse cappelle come quella di San Rocco, del Purgatorio e della Madonna del Rosario; antiche case signorili, eleganti portali e il quartiere più antico fatto di case ricavate dalla roccia con le stradine strette e labirintiche completano un quadro di magia alle pendici del Castello Normanno-Svevo, situato in una spettacolare posizione, su uno sperone roccioso nella parte più alta di Pietrapertosa dove il tempo sembra sia fermato. In cima al Castello, lo sguardo spazia su monti, boschi, scintillio di torrenti e fiumi, colline, valli, che si alternano e sovrappongono tutto intorno; dalla vetta si vive l’ebrezza di essere proiettato tra terra e cielo.

arabata pietrapertosa 33

Il vero centro storico di Pietrapertosa è il quartiere Arabata, camminando per i suoi vicoletti respirerete un’atmosfera natalizia unica nel suo genere, fiabesca.                      Costruito nel 1474 dai Frati Minori Osservanti sui resti di una fortezza romana il Convento di San Francesco è un posto pieno di mistero, storia, leggenda da visitare.              Al suo lato c’è la Chiesa di San Francesco, in stile gotico, dove al suo interno sono conservati un coro ligneo intagliato, un polittico ed affreschi del XVI sec. Oltre alle meraviglie urbanistiche medievali, questa zona è molto ricca di verde e natura.

Il Parco rappresenta uno degli spazi verdi più belli della regione, in cui è possibile scoprire e conoscere tutti i segreti che la natura ci può offrire e preservare. Il Parco copre un’area di 27 mila ettari ricco di una varietà di odorosi tigli, peri e meli selvatici, aceri, ontani agrifoglio, imponenti esemplari di cerro, ecc.                                                              Tra gli animali che vivono qui abbiamo i lupi, tassi, istrici e gatti selvaggi e tra gli uccelli si possono avvistare falchi pellegrini, poiane e picchi muratori.                                       Una delle curiosità del posto è che ogni anno in questo ed altri borghi vengono scelti due tronchi, uno sarà lo sposo e uno sarà la sposa e diventeranno protagonisti della La sagra du’ Masc, uno dei numerosi riti arborei celebrati in Basilicata e noti come “Matrimoni tra gli alberi” e che coincide con la ricorrenza della festa di Sant’Antonio, uno dei santi più venerati dalla comunità locale; una tradizione di origine antichissime legata al culto degli alberi da sempre simbolo di prosperità, di forza e di pace.

PIETRAPERTOSA il borgo con il volo dell’angelo che incanta e fa innamorare tutti…

r (2)

In Basilicata, Pietrapertosa, è anche il posto magico dove l’aria è pura ed incontaminata, dove si mangia bene e si possono scoprire meravigliosi scorci incantati, dove chi sogna l’ebrezza di volare, lanciandosi da un punto all’altro di una valle, circondati da monti e può provare il cosiddetto “volo dell’angelo” con un cavo d’acciaio sospeso tra le vette conduce i più temerari in un percorso sospesi sul vuoto che dà un senso di libertà assoluta. E’ possibile vivere quest’esperienza raggiungendo il vicino borgo di Castelmezzano per una via inusuale, imbarcati e agganciati ad un cavo di acciaio e librati in volo nell’aria. Un minuto e mezzo di adrenalina assoluta di volo tra i due paesi, da percorrere da soli o in coppia, a 400 metri di altezza ad una velocità di 120km/h, che permette di godere l’incantevole panorama delle Dolomiti lucane.

Pietrapertosa:“Il Borgo Festival 2021” di arte, musica, cultura…

borgo festival 39836

Nel settembre del 2021 a Pietrapertosa c’è stata la prima edizione di Borgo Festival: una grande festa comunitaria con mostre d’arte, canti, danze, sonorità, installazioni scenografiche, parate, sapori artigianali, ritualità antiche e contemporanee, dialoghi di memorie e futuro. Sostenere attraverso l’arte e la creatività i sogni di volare alto per i molti artisti presenti alla manifestazione, un Festival che va oltre il forte legame, della già attraente terra Lucana, favorendo il senso di appartenenza di comunità con i “suoni del borgo” e le ballate nei luoghi del silenzio, un laboratorio a cielo aperto. Un Borgo Festival con una sua natura multiforme, si propone di allargarsi in futuro per le prossime edizioni in altri centri della regione, un contributo in termini turistici che aggiunge valore alle preziose attrattive, ampliando l’offerta turistica.

    Una volta aver provato l’ebrezza del volo, quando sarai di nuovo coi piedi per terra, continuerai a guardare il cielo…

Previous article
Next article
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Eventi in programma

ULTIME 24 ORE